Menisco

Gli esercizi per trattare la lesione meniscale

La lesione meniscale è uno dei problemi più diffusi tra sportivi e non. Scegliere i migliori esercizi per trattatre il menisco lesionato e pianificare il programma di rieducazione motoria al meglio dopo un infortunio o intervento chirurgico è fondamentale per la buona riuscita del trattamento.

Prima di elencare e descrivere gli esercizi è bene chiarire cos’è il menisco e cosa si intende per lesione meniscale.

Cosa sono i menischi e a cosa servono: un po’ di Anatomia

Vengono menzionati spesso ma non tutti sanno cosa sono e soprattutto qual’è l’utilità di queste strutture.

I menischi (menisco mediale e menisco laterale) sono dei cuscinetti di materiale fibro-cartilagineo inseriti in corrispondenza dei condili femorali, tra i due capi articolari del ginocchio.

Sono di grande importanza poiché consentono di ridurre al massimo gli attriti tra il femore e la tibia e permettono di scaricare in maniera efficace eventuali sovraccarichi su questa articolazione.

In pratica sono dei veri e propri ammortizzatori naturali!

Infortunio al menisco: cause e sintomatologie più frequenti

La lesione al menisco è tra gli infortuni più frequenti a carico del ginocchio.

È possibile individuare nella sua eziologia una duplice natura:

Traumatica

In questa casistica rileviamo tutte le lesioni per usura da sovraccarico (movimenti bruschi e innaturali, iperestensione o di torsione a carico dell’articolazione femoro-tibiale).

Qui i menischi cedono per le fortissime e ripetute sollecitazioni che si hanno sulla loro struttura, di fatti i casi più frequenti di natura traumatica si rilevano tra gli sportivi.

Degenerativa

Nel caso di lesioni di natura degenerativa, i menischi vanno in contro ad un deterioramento progressivo nel tempo in cui perdono la loro elasticità perdendo la capacità di controllare le sollecitazioni che si ripercuotono naturalmente sull’articolazione.

Esercizi specifici per il menisco: istruzioni per l’uso

Per cercare di prevenire gli infortuni al menisco occorre preservare nel tempo tale struttura evitando di sovraccaricarla con movimenti e carichi inadeguati.

Studi scientifici hanno dimostrato che le lesioni meniscali sono un comune infortunio al ginocchio e alla lesione interessata può essere associato dolore e limitazioni funzionali per l’individuo (Englund et al., 2012).

È necessario quindi sviluppare di strategie di trattamento efficaci.

La terapia con esercizi funzionali è stata precedentemente dimostrata e ha dato degli ottimi risultati in termini di efficacia nei soggetti con lesione meniscale (Thorlund et al., 2015; Kise et al.,2016)

Eseguire correttamente questi esercizi può anche essere un’opzione di trattamento fattibile ed efficace sia negli adulti che nei più giovani con una potenzialità di posporre o addirittura prevenire un intervento chirurgico.

Di seguito riportiamo gli esercizi migliori per preservare il menisco da eseguire con le corrette progressioni.

Per un ulteriore approfondimento rimandiamo a questo articolo del Journal of bodywork and movement therapies.

Bisogna potenziare efficacemente la muscolatura della coscia in particolare quella del quadricipite cercando di evitare gradi di flessione della gamba oltre il limite consentito dall’articolazione stessa.

Nota bene: Questa sequenza di esercizi va considerata come una linea guida e non come un protocollo adatto a tutti.

Ogni caso di lesione meniscale può avere livelli di gravità maggiori o minori pertanto andrebbe trattato da un personal trainer specializzato in riabilitazione del ginocchio.

Esercizio in contrazione isometrica del quadricipite

Porre una pallina al di sotto della gamba infortunata in posizione estesa, contrarre per 10 secondi la gamba facendo pressione sulla pallina quindi rilassarsi. Ripetere per 3 serie

Mezzo Squat (45 gradi) in isometria contro la parete e dinamico a corpo libero

In questo esercizio bisogna condurre una prima fase in appoggio contro la parete mantenendo posizione per 15 secondi ripetendo l’esercizio per 3 serie.

Se non insorgono dolori e si eseguono le isometrie senza problemi si passa alla seconda fase in cui si esegue il movimento a corpo libero per 3 serie da 12 ripetizioni rispettando i gradi articolari.

Squat (60 gradi con isometria)

Cercare di eseguire uno squat arrivando ad un’escursione articolare di 60 gradi.

Mantenere la posizione per 3 secondi e risalire delicatamente estendendo il busto.

Eseguire 3 serie da 8 ripetizioni

Step up

Da eseguire con uno step o con un attrezzo di simile altezza e forma.

Cercare di poggiare l’arto infortunato sullo step ed eseguire delle ripetute (3 serie x 15 ripetizioni) emulando il gesto di salire le scale.

Durante le flessioni del ginocchio infortunato non eccedere con la proiezione verticale dello stesso oltre la punta del piede sottostante.

Esercizi su pedana basculante e squat classico (90 gradi)

Una volta potenziata la muscolatura della coscia aggiungere esercizi di propriocezione per migliorare il coordinamento neuro muscolare.

Può essere utile eseguire dei mezzi squat o dei mezzi affondi su pedana basculante o bosu con le modalità precedentemente menzionate.

Ecco qualche esempio:

Squat su bosu
Affondo su bosu

Prenota una valutazione gratuita con i nostri Personal Trainer

Se vuoi essere seguito/a da uno dei nostri chinesiologi laureati in scienze motorie e specializzati nella rieducazione motoria dell’articolazione del ginocchio prenota adesso una valutazione gratuita iniziale del ginocchio tramite analisi degli esami/referti a disposizione ed eventuali test di chinesiologia.

22 commenti su “Gli esercizi per trattare la lesione meniscale”

    1. Staff Stai in Forma

      Salve, può continuare a fare pilates poiché la maggior parte degli esercizi del pilates non coinvolgono in maniera traumatica l’articolazione del ginocchio. Dovrà avere solo l’accortezza di informare la sua istruttrice o il suo istruttore del problema al menisco così potranno eventualmente evitare o sostituire qualche esercizio durante la lezione.

      1. Buongiorno soffro di gonalgia sx da due mesi. Fatto RMN e visita ortopedica. Esito: condropatia da sovraccarico compartimentale mediale con degenerazione menisco mediale parzialmente estruso e condropatia femoro rotulea. Ho 52 anni. Qual’e’ la riabilitazione migliore? Grazie.

        1. Staff Stai in Forma

          Buongiorno. Bisognerebbe capire se la causa del sovraccarico che genera la condropatia può essere anche di tipo posturale. Se durante il cammino o un piegamento sulle gambe, ad esempio, le ginocchia “vanno all’interno” , i ripetuti stress quotidiani possono causare condropatia. La tendenza a portare le ginocchia all’interno (valgismo) si manifestrerebbe anche durante l’esecuzione di esecizi come i piegamenti sulle gambe (squat) per questo, al di là degli esercizi da fare, è opportuno che questi siano fatti con una tecnica ottimale e sia curata sia la tecnica che la postura.
          Quindi il consiglio è di lavorare sul potenziamento del quadricipite, provando anche gli esercizi presenti in questo articolo (ad esclusione, all’inizio, degli ultimi due: step up e squat su pedana basculante), ma di abbinare anche un lavoro posturale e farsi seguire da un personal trainer, almeno per le prime sedute, per imparare la tecnica corretta di esercizi.

  1. Salve ho scoperto la settimana scorsa di avere un versamento al menisco. Dopo una settimana di ghiaccio e antinfiammatorio il dolore risulta diminuito. In attesa di farmi visitate da un ortopedico posso riprendere a fare aerobica?

    1. Staff Stai in Forma

      Salve, nelle lezioni di “aerobica” ci possono essere degli esercizi che coinvolgono l’articolazione del ginocchio e il menisco pertanto Le consigliamo di fare la visita con l’ortopedico prima di riprendere le lezioni.

  2. Ho fatto rmn,risultato si rileva lesione degenerativa del menisco laterale con distacco di minuscolo frammento che appare mobilizzato lateralmente e a ridosso del condilo femorale. Devo fare intervento?

    1. Staff Stai in Forma

      Ciao Luca,
      per valutare se è il caso di fare un intervento per lesione meniscale occorre considerare diversi fattori oltre al referto della risonanza, come ad esempio sintomatologia, limitazioni nella vita quotidiana/sportiva ecc
      Non conoscendo questi fattori, è difficile dare suggerimenti. Il consiglio quindi è di parlare con il suo ortopedico di fiducia e valutare insieme se provare prima un programma di rinforzo muscolare del quadricipite e recupero funzionale dell’articolazione, se la sua intenzione è quella di evitare un intervento.

      1. Salve io avevo lesione menisco mediale posteriore ho fatti 10 sedute di tecar e ora sto bene il medico mi adetto che posso tornare a giocare però nei vari movimenti sento la gamba che fa male

        1. Staff Stai in Forma

          Salve, probabilmente le sedute di tecar hanno fatto passare l’infiammazione ma la lesione rimane per cui potrebbe provare a fare un lavoro conservativo di rinforzo dei muscoli della gamba.

  3. Buongiorno,mi chiamo Paolo,circa 15 giorni fa facendo un movimento normalissimo,mi sono rotto il menisco mediale,rotto a manico di secchio.Non riesco più a camminare e stendere la gamba.Mi devono operare tra una settimana e l’ortopedico mi ha proposto se riesce,di riattaccare il menisco anche se ho 55 anni.In alternativa me lo deve togliere,rischiando però tra circa 5 anni iniziare ad avere artrosi del ginocchio.Lei cosa mi consiglia di fare?Grazie

    1. Staff Stai in Forma

      Buongiorno, noi siamo chinesiologi pertanto non ci sostituiamo al parere del medico e il nostro lavoro in questi casi è di ricondizionamento muscolare post operatorio oppure conservativo nei casi in cui non è necessario l’intervento. Le consigliamo quindi di accettare i consigli dell’ortopedico e, successivamente all’intervento, optare per un lavoro di ricondizionamento muscolare che sicuramente le consiglierà anche l’ortopedico.

  4. Buongiorno, ho subito un intervento di meniscectomia selettiva e dopo 25 giorni ho problemi nel flettere il ginocchio cioè riesco al massimo fino a 90 gradi ma oltre ho dolore/pressione sopra al ginocchio/rotula. Può essere normale tenendo conto che eseguo a casa degli esercizi che il chirurgo mi a detto di fare.

  5. Buonasera, a seguito di una ECO ginocchio dx. mi è stato diagnostico quanto segue:
    – esiti di pregresso trauma distorsivo
    – non versamenti articolari
    – tenosinovite del collaterale mediale e della zampa d’oca
    – regolare il rotuleo ed il collaterale laterale
    si consiglia FKT
    nonostante abbia fatto n° 12 sedute complete fra potenziamento muscoli quadricipiti e laser e tecar terapia e tens non ho riscontrato nessun miglioramento.
    Non riesco a distendere completamente la gamba ed il dolore èsoltanto parzialmente diminuito, il fastido maggiore lo avverto dopo essere stato seduto.
    Grazie di cuore per i vostri consigli

    1. Staff Stai in Forma

      Buonasera,
      si tratta di una infiammazione, non ci sono lesioni, quindi nel tempo dovrebbe andar via. Continua con la ginnastica di potenziamento dei quadricipiti ed evita di sovraccaricare il legamento collaterale mediale, magari con una ginnastica posturale mirata a riequilibrare il carico sull’articolazione del ginocchio (che probabilmente “carica troppo all’interno”). Se non c’è stato un trauma la causa potrebbe essere posturale.
      I nostri personal trainer sono chinesiologi laureati in scienze motorie e specializzati anche nella rieducazione del ginocchio. Se la tua città è presente in quelle che copriamo puoi prenotare una valutazione fisica iniziale gratuita.

  6. Gianna Terranova

    Salve, sono un insegnante di Tango Argentino.
    Ho fatto la risonanza magnetica
    Mi è stato detto di avere una lesione al menisco.
    Posso ballare senza grossi problemi?

    1. Staff Stai in Forma

      Salve, dipende perché ognuno sviluppa una sintomatoligia diversa. Di sicuro i cambi di direzione del ballo, le scarpe con i tacchi, non aiutano.
      L’unico consiglio che possiamo dare è di fare sempre ginnastica complementare di rinformo muscolare e allungamento.
      I nostri personal trainer sono chinesiologi laureati in scienze motorie e specializzati anche nella rieducazione del ginocchio. Se la tua città è presente in quelle che copriamo puoi prenotare una valutazione fisica iniziale gratuita.

  7. Salve, ho avuto un intervento di sutura al menisco precisamente un mese e mezzo fa. Ho ripreso a camminare e ora mi è stato consigliato dal medico di fare palestra per rinforzare il muscolo quadricipite, però purtroppo il fisioterapista non mi fa sapere nulla riguardo la scheda da seguire. È possibile avere qualche spunto in più oltre agli esercizi già presenti nel sito? grazie

    1. Staff Stai in Forma

      Salve Albert,
      non è facile dare ulteriori spunti non conoscendo la sintomatologia e i suoi livelli attuali di forza del quadricipite e mobilità dell’articolazione del ginocchio, dai quali bisognerebbe partire per la selezione degli esercizi e del carico di lavoro. Ogni caso è a sé e non esiste un protocollo di esercizi valido per tutti. Infatti anche gli esercizi presenti nell’articolo vanno presi come suggerimenti ma non come protocollo.
      Senza conoscere il caso quindi possiamo suggerire solo esercizi sicuri come ad esempio le flessioni della gamba tesa da posizione distesa supina.
      La invitiamo a prenotare una valutazione iniziale gratuita con uno dei nostri chinesiologi così potrà avere maggiori spunti senza l’impegno di dover necessariamente iniziare un percorso con noi.

  8. buongiorno
    da esito rm e visita ortopedica ho il menisco laterale dx rotto e sospetta lesione del crociato anteriore. Intervento di artoscopia previsto a febbraio 2024 🙁
    Poiché per hobby ballo e non ho intenzione di rimanere ferma fino a febbraio, utilizzo un tutore sul ginocchio dx perché cede la gamba e sul ginocchio sx per evitare di comprometterlo. L’articolazione del ginocchio dx é rigida e mi chiedevo se posso fare esercizi che possano aiutare a rafforzare la muscolatura e che mi siano di aiuto preventivo per un migliore recupero post intervento
    grazie

    1. Staff Stai in Forma

      Buongiorno, consigliamo di fare molti esercizi di rinforzo del quadricipite, quelli che trova in questo articolo sono un ottimo spunto ma ovviamente andrebbero provati e valutati in base ai feedback. Tra quelli presenti nell’articolo tuttavia, nel suo caso, sconsigliamo gli ultimi due (step up e squat su pedana basculante o bosu).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto